Mater Lingua
si rinnova e si reinventa

Il teatro è il nostro grande amore perché crediamo nel senso di comunità e nel potere delle emozioni che esaltano l’apprendimento. Questo periodo di pausa, lontano da voi e dal palcoscenico, ha avuto importanti risvolti creativi e ci ha spinto verso una riflessione profonda.

La nostra missione è, più che mai, essere al vostro fianco nel sostenere la didattica e fare progetti sostenibili, in linea con le nuove esigenze, tutti fondati sul metodo di acquisizione linguistica di Mater Lingua. L’essenza è la stessa ma il corpo del programma e le modalità si declinano in differenti forme.

A teatro, on line oppure a scuola e qualunque sia la vostra esigenza, Mater Lingua vi offre il percorso adatto.

Imparare le lingue continuerà ad essere uno spettacolo!

— Vuoi portare i tuoi studenti a teatro?

La Prima

Il nostro percorso linguistico e l’uscita teatrale dal vivo che conoscete hanno fatto il successo di Mater Lingua negli anni.
Il ritmo è scandito da una ricca proposta di unità didattiche, appositamente studiate e strutturate in modo tale da stimolare l’apprendimento della lingua attraverso la partecipazione attiva individuale e di gruppo.

Attività attorno ai costumi, alla locandina, all’ambientazione storica, alla giusta pronuncia sono solo alcuni dei temi che troverete, ideati e creati dai nostri esperti di didattica che stimoleranno le emozioni dei vostri studenti intorno alla rappresentazione teatrale.

Quest’ultima è il fulcro del percorso, la tappa fondamentale e imperdibile; una vera e propria esperienza a teatro, una rappresentazione linguistica messa in scena da attori e registi rigorosamente madrelingua con un testo originale e unico, che nasce appositamente a supporto dell’insegnamento della lingua. Un linguaggio, una storia e dei tempi teatrali dedicati ai ragazzi: non una rivisitazione, ma contenuti attuali legati ai loro interessi e propedeutici ad approfondimenti culturali.

Un percorso linguistico-culturale in itinere che si realizza prima, dopo e durante lo spettacolo, composto da:
– Materiale didattico: un percorso tematico contenente esercizi, attività individuali e di gruppo  suddiviso in tre livelli (elementare, intermedio e avanzato)
– Rappresentazione teatrale con attori-cantanti professionisti madrelingua

13€

costo annuale per alunno

Spettacoli a partire da Gennaio 2021 in base alle nuove normative 

SCOPRI I NUOVI PERCORSI DELL’ANNO SCOLASTICO 2020/21

— Vuoi che i nostri attori vengano a scuola?

Il Personaggio

Chi non vorrebbe avere la possibilità di incontrare dal vivo Molière, Shakespeare o Cervantes? Ebbene …. con noi è possibile!

Da quest’anno, e per la prima volta, vi offriamo le “conversazioni impossibili ©”: una serie di incontri magici, a cavallo del tempo con gli autori della letteratura più amati e studiati.

Un attore madrelingua verrà nelle vostre aule, nei panni del personaggio richiesto. Al suo arrivo si creerà all’istante l’atmosfera che rievocherà il suo tempo e trasporterà gli studenti nel contesto storico, politico e sentimentale del personaggio stesso.

Una lezione indimenticabile la cui interpretazione, strutturata secondo dei criteri di interazione con gli studenti, seguirà dei parametri di assimilazione linguistica a supporto del vostro programma didattico e lascerà ampio spazio alla spontaneità degli interventi dei vostri alunni, alle domande e alle loro curiosità.

Un’occasione davvero emozionante dove i ragazzi, preparati attraverso un lavoro in classe propedeutico all’incontro con materiale da noi fornito, si caleranno nei racconti del personaggio, osservando modi e atteggiamenti per vivere in prima persona ciò che studiano a scuola sui libri.

Incontro della durata di 60 minuti con un attore madrelingua nei panni del personaggio famoso.

Materiale propedeutico, di preparazione all’incontro, che permetterà agli studenti una interazione valida e efficace con l’attore attorno ai temi storici, culturali, politici e sentimentali del personaggio stesso.

Sceglieremo insieme a voi il luogo della scuola più adatto a ricevere il Personaggio. Replicheremo più “conversazioni impossibili ©” nel giorno scelto affinché tutti i vostri allievi abbiano la possibilità di interagire con lui.

7€

A partire da 7€

costo per alunno con un minimo di 90 partecipanti.

A partire da Novembre 2020 

SCOPRI I PERSONAGGI OSPITI NELLA TUA SCUOLA

Francese

SPAGNOLO

INGLESE

— Vuoi interagire con il Personaggio online?

Il Personaggio online

Ha mai fatto merenda con Molière, Shakespeare o Cervantes? Hai mai scattato un selfie col Piccolo principe e il suo aviatore? Edith Piaf o Nelson Mandela ti hanno già chiamato? E dopo aver studiato un pò la loro vita, che domande faresti a Frida Kahlo o Don Juan Tenorio? Tutto questo adesso è possibile! La classe avrà un ospite speciale a scuola, un personaggio famoso della letteratura e della cultura della lingua studiata per una conversazione impossibile®.

Il personaggio sarà direttamente collegato da Parigi, Madrid o Londra con i ragazzi in classe. Sarà sicuramente un po’ diffidente all’inizio ma sono tutti grandi geni della loro epoca e, grazie ai vostri chiarimenti e al vostro entusiasma, si scioglierà e vi racconterà la sua vita, le sue opere.
Vi trascinerà nel suo mondo, vi spiegherà ogni dettaglio delle sue battaglie e quando ripartirà, realizzerete che questa conversazione si è svolta tutta in lingua straniera.

Incontro della durata di 50 minuti con un attore madrelingua nei panni del personaggio scelto

Materiale propedeutico, di preparazione all’incontro.

Interazione valida ed efficace con l’attore attorno ai temi storici, culturali, politici e sentimentali del personaggio.

5€

A partire da 5€

costo per alunno con un minimo di 20 partecipanti.

A partire da Novembre 2020 

— Vuoi coinvolgere i tuoi studenti in un'esperienza multimediale?

Il Cartellone

Da quest’anno Mater Lingua ha deciso di costruire una videoteca teatrale con gli spettacoli che avete apprezzato di più negli anni passati. Se volete rivederli, riproporli alle vostre classi o scoprirli nel caso in cui non abbiate avuto la possibilità di partecipare ai nostri progetti in passato…

La struttura è quella di un percorso didattico che si integri al vostro programma scolastico. Esercizi, contributi audio-visivi, proposte di attività di gruppo e individuali arricchiscono  e preparano la visione del video dello spettacolo alla quale si può assistere quando e dove si vuole. Anche più volte!

Una rassegna virtuale di video teatrali che, registrati secondo i criteri di un film, sono però aderenti alle logiche dell’aspetto didattico del teatro e permeati della presenza di un pubblico con le sue emozioni, i suoi applausi e le sue risate.

Un struttura modulare fruibile in classe o comodamente a casa come complemento alle vostre lezioni o come attività extra-scolastica secondo le necessità didattiche e le modalità stabilite da voi professori. 

Il metodo è efficace e stimolante e si differenzia dalla lettura di un libro o dalla visione di un film perché accompagna lo spettatore guidandolo nell’assimilazione dei contenuti.

Provare per credere! Questi spettacoli sono la nostra storia assieme.

Una piattaforma multimediale, vera aula virtuale,  con accesso riservato contenente:
Materiale didattico : esercizi, contributi audio-visivi, proposte di attività di gruppo e individuali
Video dello spettacolo al quale si può assistere quando e dove si vuole, anche più volte.

6,50€

costo annuale per alunno con un minimo di 30 partecipanti.

A partire da Ottobre 2020 

SCOPRI IL CARTELLONE DEI MIGLIORI SPETTACOLI

Francese

Spagnolo

Inglese

— Vuoi offrire un'esperienza di teatro virtuale ai tuoi alunni?

La Diretta

Mai come in questo periodo si è parlato di innovazione digitale e didattica da “remoto” ma il percorso di questa trasformazione può essere difficile. Noi siamo convinti che la creatività del mondo del teatro può essere un volano importante per questa rivoluzione e il mondo dei ragazzi il terreno più fertile per accoglierla.

Quindi quest’anno abbiamo studiato una alternativa al teatro “dal vivo” : stessi titoli, stesso percorso didattico, stesse trame, stessi esercizi e stessi gli attori, dove sta quindi l’inganno? Quale è la differenza dallo spettacolo dal vivo ? Nessuna stregoneria, semplicemente il teatro dal vivo arriva direttamente in classe grazie agli strumenti che la tecnologia mette a disposizione: la possibilità di assistere all’esperienza teatrale attraverso lo schermo, in diretta live!

Immaginatevi la situazione: voi in classe con i vostri studenti, a distanza ci siamo noi con i nostri attori madrelingua sul palcoscenico di un teatro dove tutto è allestito come per accogliere il pubblico in sala. Le scenografie montate, le luci puntate, gli attori truccati e in costume.

Gli attori entreranno nelle vostre aule attraverso lo schermo come voi potrete entrare a teatro in modo virtuale e interattivo. Sarà come esserci! Potrete applaudire, fare domande, cantare, illuminare la scena con i vostri sguardi. Gli attori potranno vedervi e sentirvi.

E sarete tutti in prima fila!

Un percorso linguistico-culturale in itinere che si realizza prima, dopo e durante lo spettacolo “virtuale”, composto da:
Materiale didattico: un percorso tematico contenente esercizi, attività individuali e di gruppo  suddiviso in tre livelli (elementare, intermedio e avanzato)
Rappresentazione teatrale “virtuale” con attori professionisti madrelingua

8€

costo per alunno con un minimo di 30 partecipanti.

A partire da Gennaio 2021 

SCOPRI LE DIRETTE DELL’ANNO SCOLASTICO 2020/21

Esclusività per i docenti di lingua francese.

— Vuoi approfondire tematiche di didattica emozionale?

Il Maestro

Il teatro è la forma di comunicazione dialogica più vera, più vicina ad un contesto linguistico-comunicativo naturale che provoca forti emozioni e grande coinvolgimento, portando l’alunno a una profonda acquisizione.

Con la nostra esperienza pluridecennale, Materlingua ha creato un metodo, quello dell’apprendimento di una lingua straniera attraverso l’emozione.

L’alunno-spettatore si sente parte integrante e partecipa alla vostra lezione-spettacolo. Il suo coinvolgimento diventa il veicolo per stimolare le capacità ricettive, dimenticare che tutto avviene in un’altra lingua e, portato dall’emozione che il professore-attore ha saputo creare, ritrovarsi completamente immerso in un’attività che cattura tutta la sua attenzione e raggiunge il vostro obiettivo. 

Vogliamo condividere con voi i segreti di questo metodo, farvi diventare professori-attori, primi ideatori di strategie per sfruttare l’intelligenza emotiva dei ragazzi. Le vostre competenze unite alla nostra creatività possono generare la scintilla per un percorso di successo : uscire dagli schemi, cambiare prospettive, spiazzare l’attenzione, sorprendere per incantare e creare un legame invisibile con la lingua stessa.

La Master Class, per adesso riservata ai docenti di lingua francese, verrà organizzata dopo scuola. Comodamente, attraverso la connessione del vostro computer, telefono o tablet, potrete partecipare alla formazione in streaming durante la quale Frédéric Lachkar, con la sua esperienza di attore, regista, sceneggiatore e docente di teatro vi illustrerà il nostro metodo. Potrete interloquire direttamente con lui e capire come rendere il vostro insegnamento un vero spettacolo…

Un corso on line di 4,5 ore, suddiviso in tre incontri di 1 ora e mezza ciascuno dove i professori, sotto la guida di Frédéric Lachkar potranno sviluppare e approfondire le tematiche alla base della “didattica emozionale” e indirizzarle verso l’insegnamento della lingua francese. Un supporto all’insegnamento in classe e una esplorazione sulle tecniche per attivare un processo cognitivo attraverso le emozioni.
Il corso avverrà in diretta , fortemente interattivo, gestito attraverso una piattaforma di condivisione video, con video-tutorial a supporto.

55€

costo formazione per docente

attestato di partecipazione

ott./nov./dic. 2020 

 Mater Lingua, una garanzia!

15.000 ORE DI SPETTACOLI EFFETTUATI

1.700.000 ALUNNI FORMATI
CON I NOSTRI PERCORSI

OLTRE 20 ANNI DI ESPERIENZA

Senza alcun impegno, mostraci adesso il tuo interesse per uno o piu percorsi e sarai contattato a Settembre. Ripartiamo insieme!

"È nella crisi che nasce l'inventiva, le scoperte e le grandi strategie.
Chi supera la crisi supera se stesso."
Albert Einstein
Genio
  • 5 attori-cantanti madrelingua francese
  • spettacolo teatrale e musicale
  • storia originale trasversale e interdisciplinare
  • ponti tra didattica scolastica e temi di attualità
  • percorso annuale pedagogico con tre livelli di comprensione a cura di Alizée Giorgetta del Cavilam di Vichy.
  • omaggio per accompagnatori e diversamente abili
    non autosufficienti
  • Durata : 80 mn + incontro con gli attori

La Belle Époque

La Belle Époque non è solo un periodo storico francese ma anche e soprattutto un movimento di sviluppo sociale, culturale e artistico. Un periodo di rinascita dalla Grande depressione di fine Ottocento, ricco di novità e cambiamenti; un po’ come quello che ci troviamo oggi a dover fronteggiare.
Sono anni durante i quali importanti invenzioni in campo tecnico, medico e scientifico hanno portato ad un aumento progressivo del benessere delle persone. Un periodo dove le donne escono dal “foyer” per partecipare attivamente alla vita politica e sociale.
Fa capolino il concetto di “tempo libero”: uno stile di vita più ricco di stimoli, fatto di viaggi, di uscite serali, di spensieratezza e voglia di scambiare conoscenze con le altre nazioni. Nascono quindi il cinematografo dei fratelli Lumière, l’Esposizione Universale, le Olimpiadi moderne, i teatri di cabaret e i locali notturni come il Moulin Rouge e il suo famoso Cancan.
Le tematiche trattate vogliono essere un omaggio a questo periodo di innovazione che ha saputo trasformare in opportunità i cambiamenti sociali ed economici del momento.

Il percorso è studiato in modo tale che tutte le unità siano indipendenti l’una dall’altra. Si tratta quindi di una struttura completamente modulabile che si può affrontare in maniera autonoma e senza nessun principio di consequenzialità.

L’aver svolto o meno tutte le unità nulla toglie all’esperienza teatrale, quest’ultima si può vivere prima, durante o alla fine dello svolgimento degli altri moduli didattici.

Il percorso è strutturato sia per poter essere distribuito durante tutto l’anno scolastico sia per poter essere affrontato in modo intensivo nell’arco di una settimana.

I temi cambiano, le rappresentazioni teatrali sono sempre nuove ed originali e le unità didattiche si evolvono, ma l’obiettivo è sempre lo stesso : stimolare l’apprendimento della lingua straniera attraverso l’emozione.

I vostri alunni capiranno come una parola, un’espressione o una regola potranno essere assimilati in modo del tutto inconsapevole attraverso un sorriso, un abbraccio, una lacrima.

  • 5 attori-cantanti madrelingua spagnolo
  • spettacolo teatrale e musicale
  • storia originale trasversale e interdisciplinare
  • ponti tra didattica scolastica e temi di attualità
  • percorso annuale pedagogico con tre livelli di comprensione a cura di Emilio Morales, diplomato in filologia della “Universidad Autónoma de Madrid”, attore e professore di recitazione.
  • omaggio per accompagnatori e diversamente abili
    non autosufficienti.
  • durata : 80 mn + incontro con gli attori

De Madrid al Cielo

El Matador y la Diva

De Madrid al Cielo è un motto che inneggia alla meravigliosa urbanistica di questa città indirizzata a godere del sole. Camminando per i suoi grandi viali si può raggiungere il cielo e sentirsi liberi.

Ed è proprio questa l’atmosfera che viene bruscamente sospesa durante la dittatura di Francisco Franco: gli anni ’50, in pieno periodo franchista, un regime militare di tipo tradizionalista e conservatore che rivendica il ruolo autoritario dell’uomo nei confronti della donna.

Una storia , quella del leggendario Torero Luis Miguel Dominguín ci farà comprendere i limiti delle convenzioni, dei pregiudizi di una società nella quale l’uomo deve dimostrare il suo potere attraverso azioni inutilmente eroiche, come quella della lotta contro il toro.

Dominguín, infatti, verrà attratto da uno dei personaggi più affascinanti di quell’epoca, Ava Gardner: una donna la cui bellezza era senza eguali, un’attrice straordinaria, simbolo di indipendenza e di libertà femminile.

Due persone così diverse e apparentemente lontane ma che rappresentano la metafora della rivoluzione di un popolo, quello spagnolo, che pur dimostrando un forte attaccamento alla tradizione, resta fedele alla dimensione del sogno di libertà tramandato dal Quijote di Cervantes.

Il percorso è studiato in modo tale che tutte le unità siano indipendenti l’una dall’altra. Si tratta quindi di una struttura completamente modulabile che si può affrontare in maniera autonoma e senza nessun principio di consequenzialità.

L’aver svolto o meno tutte le unità nulla toglie all’esperienza teatrale, quest’ultima si può vivere prima, durante o alla fine dello svolgimento degli altri moduli didattici.

Il percorso è strutturato sia per poter essere distribuito durante tutto l’anno scolastico sia per poter essere affrontato in modo intensivo nell’arco di una settimana.

I temi cambiano, le rappresentazioni teatrali sono sempre nuove ed originali e le unità didattiche si evolvono, ma l’obiettivo è sempre lo stesso : stimolare l’apprendimento della lingua straniera attraverso l’emozione.

I vostri alunni capiranno come una parola, un’espressione o una regola potranno essere assimilati in modo del tutto inconsapevole attraverso un sorriso, un abbraccio, una lacrima.

  • 5 attori-cantanti madrelingua inglese.
  • spettacolo teatrale e musicale.
  • storia originale trasversale e interdisciplinare.
  • ponti tra didattica scolastica e temi di attualità.
  • percorso annuale pedagogico con tre livelli di comprensione a cura di Alexandros Ioannu, autore e docente di lingua inglese.
  • omaggio per accompagnatori e diversamente abili
    non autosufficienti.
  • Durata : 80 mn + incontro con gli attori

Ubuntu

Life of Nelson Mandela

“Al popolo sudafricano, di ogni razza ed  estrazione sociale, il mondo intero dice  grazie per aver condiviso Nelson Mandela con noi tutti. La sua lotta è stata la vostra lotta. Il suo trionfo è stato il vostro trionfo. La vostra dignità e la vostra speranza si sono espresse al meglio nella sua vita, e la vostra libertà e la vostra democrazia sono l’apprezzata eredità che egli ha lasciato.”

Questa la frase di apertura del discorso del Presidente Obama al Memorial per Nelson Mandela. Noi vi vogliamo raccontare la storia di Mandela: un uomo, il cui nome era “Rolihlahla”, che in lingua Xhosa significa “colui che provoca guai”. I “guai” sono la sua scelta di essere un giovane rivoluzionario per difendere i diritti del suo popolo ma in prigione, di fronte a se stesso, Nelson riscoprirà la filosofia “Ubuntu” della sua infanzia e ne farà una guida per ridare speranza all’intero popolo sudafricano.

“I am because we are” è diventato un’arma per distruggere l’apartheid e scrivere la sua leggenda.

Il percorso è studiato in modo tale che tutte le unità siano indipendenti l’una dall’altra. Si tratta quindi di una struttura completamente modulabile che si può affrontare in maniera autonoma e senza nessun principio di consequenzialità.

L’aver svolto o meno tutte le unità nulla toglie all’esperienza teatrale, quest’ultima si può vivere prima, durante o alla fine dello svolgimento degli altri moduli didattici.

Il percorso è strutturato sia per poter essere distribuito durante tutto l’anno scolastico sia per poter essere affrontato in modo intensivo nell’arco di una settimana.

I temi cambiano, le rappresentazioni teatrali sono sempre nuove ed originali e le unità didattiche si evolvono, ma l’obiettivo è sempre lo stesso : stimolare l’apprendimento della lingua straniera attraverso l’emozione.

I vostri alunni capiranno come una parola, un’espressione o una regola potranno essere assimilati in modo del tutto inconsapevole attraverso un sorriso, un abbraccio, una lacrima.

Jean-Baptiste Poquelin est le fils de Jean Poquelin, un bourgeois aisé de Paris, tapissier, qui avait acheté la charge de valet de chambre du roi. 

Dès l’enfance, le jeune Jean-Baptiste assiste à des représentations théâtrales, surtout des farces et des parades de comédiens ambulants. Sa mère meurt en 1632. Il fait de solides études au Collège de Clermont (aujourd’hui lycée Louis-le-Grand) de Paris où il étudie les mathématiques, la physique, la philosophie, la danse, et l’escrime. Il apprend également le latin, ce qui lui permet de lire dans le texte original les comédies de Plaute, de Térence dont il s’inspirera souvent. À vingt ans, il fréquente l’université d’Orléans pour y obtenir (ou y acheter) ses diplômes de Droit.

Il rencontre, en 1643, une famille de comédiens : les Béjart. Il renonce à succéder à son père comme tapissier du roi. Il décide de devenir comédien malgré le sort qui leur était réservé (ils étaient excommuniés). En juin 1643, s’associant aux Béjart, il fonde avec eux la troupe de l’Illustre Théâtre. Il choisit le nom de scène de Molière. Sa troupe, environ une dizaine de comédiens, joue des tragédies à la mode. Elle se heurte aux troupes installées à Paris comme celles de l’Hôtel de Bourgogne ou du Marais. Les dettes s’accumulent : un moment, Molière est même emprisonné au Châtelet de Paris…

Mais arrêtons-nous là! Il vous racontera lui-même comment il est devenu l’auteur de théâtre français le plus connu au monde. Et vous lui expliquerez pourquoi ses textes sont toujours étudiés dans les écoles. Préparez vos questions : rencontrer Molière, ça n’arrive qu’une fois dans sa vie!

Miguel nació en Alcalá, España, en 1547 (murió en 1616), no se sabe exactamente el día, pero se sabe que fue a finales de septiembre o principios de octubre, ya que fue bautizado el 9 de octubre. Él pudo haber nacido el 29 de septiembre, día de San Miguel y de ahí haber recibido su nombre. Miguel fue uno de los menores de su casa, el sexto de siete hermanos y su familia tuvo muchos problemas económicos. El padre movía con frecuencia a la familia de un lugar a otro tratando de conseguir mejores ingresos.

A los 8 años entró al colegio de los jesuitas, en aquella época la mayoría de los niños no iban a la escuela, pero su padre quería que sus hijos tuvieran una mejor educación. Sus hermanas también sabían leer, cosa que era muy extraña en ésa época. A los 16 años todavía iba a la escuela y le gustaba muchísimo leer y asistir a representaciones de teatro. No se sabe si Miguel fue a la universidad, pero su formación demuestra que fue un hombre muy culto. A los 22 años decidió hacerse soldado. España estaba luchando contra los moros y en la gran batalla de Lepanto, donde obtuvieron la victoria, Miguel recibió varias heridas, una de ellas en su mano izquierda, por lo que desde ésa época lo llamaron el “manco de Lepanto”.

Ya en ese momento había comenzado a escribir algunos poemas y tras la batalla recibió unas cartas que certificaban su valiente actuación, él esperaba poder tener una vida mejor.

Realizó muchos trabajos y en ninguno tuvo suerte. Sus finanzas eran cada día más difíciles y se cree que para ése momento ya estaba escribiendo la primera parte de su obra más importante:

“El ingenioso hidalgo don Quijote de La Mancha” que fue publicada en 1605, cuando Miguel tenía 58 años. Diez años después terminó la segunda parte y para ése momento ya habían traducciones en Inglés y en Francés de la primera parte. Escribió muchísimo durante sus últimos años, pero nunca tuvo el suficiente dinero para vivir cómodamente. Aunque ya en esa época se reconocía su ingenio, no se alcanzó a vislumbrar el impacto que tendría su obra como un nuevo estilo literario. Contrario a su principal personaje, Don Quijote, Miguel nunca pudo escapar de su destino de hidalgo y soldado pobre.

Y ha dado personalidad única a los españoles, con una palabra propia. ¿Quien puede decir lo mismo?

Quijote : Hombre que antepone sus ideales a su conveniencia y obra desinteresada y comprometidamente en defensa de causas que considera justas, sin conseguirlo. (Diccionario de la Real Academia Española).

¡Hazle tus preguntas y prepárate para conocer al autor español más famoso del mundo!

William Shakespeare was an English playwright and poet. He was baptized on 26 April 1564 in Stratford-upon-Avon, England, and died there on 23 April 1616. He married Anne Hathaway in Stratford at age 18, and sired three children upon her: Susannah, and twins Judith and Hamnet. Hamnet died as a boy. Tradition states that Shakespeare fled Stratford for London after being arrested for poaching on a nobleman’s estate. There is no evidence to support this report.

Shakespeare spent most of his adult life in London acting and writing comedies and tragedies for the Globe and other theatres. Shakespeare also wrote many poems called sonnets and other poems.

He retired to Stratford, bought a house called New Place, and died in Stratford in 1616. Shakespeare is buried beneath the floor of Trinity Church, Stratford. In 1623, all but two of his plays were collected in a volume now known as the First Folio. His resting place in Trinity Church is a major destination for fans and travelers.

Prepare your questions! And be ready to meet the most important author of the world : the creator of Romeo and Juliet!

teatro lingua francese per ragazzi
  • 5 attori-cantanti madrelingua francese
  • spettacolo teatrale e musicale
  • storia originale trasversale e interdisciplinare
  • ponti tra didattica scolastica e temi di attualità 
  • Durata : 90 min.
  • copione integrale incluso
  • traccia audio di tutte le scene
  • video integrale dello spettacolo con e senza sottotitoli francese
  • percorso pedagogico a cura di Alizée Giorgetta del Cavilam di Vichy con tre livelli di comprensione

Oranges Amères

Riproduci video

Alger, 1962. Yasmina aime Michel. Michel aime Yasmina. Tout les sépare: leurs religions, leurs cultures, leurs familles mais pourtant ils s’aiment comme des enfants peuvent s’aimer, insouciants et sans préjugés. Peu avant l’Indépendance de l’Algérie, Michel doit quitter précipitamment le pays qui l’a vu naître et “rentrer” en France, un pays qu’il ne connaît pas. Leur séparation est déchirante et ils se promettent de s’écrire chaque jour.

Kabyle, cousin de Yasmina, est soulagé par ce départ. Les gens jasaient dans la casbah d’Alger et cette relation aurait pu porter préjudice à toute la famille Benguigui.

Au moment du départ Yasmina confie à Michel le cahier où elle note toute ses pensées. Pour l’accompagner durant la traversée dit-elle, pour être un peu à ses côtés en France. Seulement voilà, l’arrivée à Paris de Michel ne se passe pas comme prévu. Il est victime de racisme et au bureau de l’immigration on lui refuse même un permis de travail. C’est un Français de seconde zone. Étranger en Algérie comme en France, il ne trouve pas ses repères.

Yasmina, qui dévore depuis toujours la littérature francaise, lui donne les clés pour s’intégrer. Elle qui n’a jamais mis les pieds en France, connaît Hugo et Zola par coeur et envoie Michel “Sous le pont Mirabeau” où coule la Seine…Il y fera une rencontre qui va changer leurs existences à jamais : Jacques Lasalle et son assistante Brigitte le remarquent à la terrasse d’un café et lui propose une audition pour tenir le rôle principal dans l’adaptation du célèbre roman de Albert Camus, l’Étranger. Il est parfait lors des essais et entame une carrière de comédien.

N’ayant plus de nouvelles de son bien aimé et refusant un mariage arrangé par son père avec le voisin Mustafa, Yasmina fugue et décide de rejoindre Michel à Paris. Mais à son arrivée, le pire l’attend…

  • 5 attori-cantanti madrelingua francese
  • spettacolo teatrale e musicale
  • storia originale trasversale e interdisciplinare
  • ponti tra didattica scolastica e temi di attualità 
  • Durata : 90 min.
  • copione integrale incluso
  • traccia audio di tutte le scene
  • video integrale dello spettacolo con e senza sottotitoli francese
  • percorso pedagogico a cura di Alizée Giorgetta del Cavilam di Vichy con tre livelli di comprensione

Saint-Germain-Des-Prés

Riproduci video

Paris, 2017. Gabriel, jeune serveur désabusé s’apprête, comme tous les soirs, à fermer le “Café Laurent” où il travaille. Il ignore tout du passé glorieux de ce lieu mythique qui fut au lendemain de la guerre une véritable institution à Paris, le rendez-vous des Zazous, des noctambules et des intellectuels. En effet, cette cave située rue Dauphine dans le 6ème arrondissement a été le haut lieu de l’Existentialisme et comptait parmi ses habitués Jean-Paul Sartre, Boris Vian et Juliette Gréco.

Mais Gabriel, loin de penser que ce lieu magique pourrait lui donner un exemple de vie, flâne au piano et tarde à quitter le café. Un appel finit par le décourager complètement : sa petite amie rompt, lui reprochant de ne pas s’investir dans leur relation. Comme toujours quand ça va mal, Gabriel se réfugie dans la musique. Mais à nouveau rien ne va. Les notes vacillent et se confondent, les lumières du café clignotent, de la fumée s’échappe même de la porte de la cave. Un véritable cauchemar. Il panique, tente d’appeler les secours mais en vain : son portable ne capte aucun réseau. Il se décide à descendre à la cave mais lorsqu’il revient quatre authentiques Zazous occupent les lieux et réclament à boire! Il tentera bien de les mettre à la porte mais rien n’y fera. André, Zaza, Pierre et Flore sont bien décider à faire la fête et à célébrer dignement la Libération de Paris…

La rencontre de ces deux jeunesses, celle désabusée de Gabriel et celle traumatisée de nos Zazous donnera l’étincelle de courage et d’espoir dont les protagonistes avaient besoin pour affronter leurs vies.

Di e con :
Frédéric Lachkar (Jean Maréchal)
Con :
Claudia Palleschi (Lucie Klein)
Nicolas Bresteau (Loulou)
Pino Iodice (Chitarra e direzione musicale)
Andrea Veschini (Pianoforte)
Andrea Colella (Contrabbasso)

  • 3 attori-cantanti madrelingua francese.
  • 3 musicisti (pianoforte, contrabbasso, chitarra)
    spettacolo teatrale e musicale.
  • storia originale trasversale e interdisciplinare.
  • ponti tra didattica scolastica e temi di attualità .
  • Durata : 80 min.
    copione integrale incluso.
    video integrale dello spettacolo con sottotitoli francese.
  • video integrale dello spettacolo senza sottotitoli.
  • percorso pedagogico a cura di Alizée Giorgetta del Cavilam di Vichy.

Kabaret

Riproduci video

Paris, 1942. Sous l’Occupation, Lucie Klein, une femme éblouissante mais tourmentée par un lourd secret, s’obstine à rester “la môme Bijou” : ce nom, c’est celui qu’elle porte depuis plus de dix ans en tant que vedette dans le cabaret qu’elle tient en compagnie de son fidèle secrétaire Loulou et de ses musiciens. Malgré la guerre, malgré la catastrophe qui s’annonce, elle s’acharne à garder en vie son cabaret. Mais Lucie est juive, et malgré la protection dont elle a profité jusque là grâce au prestige de son établissement, elle est consciente de la gravité de la menace qui pèse sur elle et ses proches. Tant qu’il est encore temps, Lucie est décidée à créer le plus beau spectacle de sa carrière : il s’appellera Kabaret avec un K comme Klein.

Dans ce spectacle, elle veut mettre toute sa vie, mais aussi recréer l’atmosphère d’une époque bénie et déjà lointaine, celle où au cabaret défilent des clients plutôt particuliers. Ils s’appellent entre autres Pablo Picasso, Guillaume Apollinaire, Marcel Duchamp, André Breton, Salvador Dali ; ils boivent, discutent, se disputent, ils confrontent leurs visions de l’art et cherchent avant tout la nouveauté, la modernité ; bref, ils créent.

Quelques décennies plus tard, un homme, comédien réputé, à la recherche de son passé, frappe à la porte de ce cabaret, depuis longtemps abandonné. Un homme lui ouvre, et avec lui, c’est l’esprit du cabaret qui s’éveille…

locandina siempre frida teatro scuole
  • 5 attori-cantanti madrelingua spagnola
  • spettacolo teatrale e musicale
  • storia originale trasversale e interdisciplinare
  • ponti tra didattica scolastica e temi di attualità 
  • Durata : 80 min.
  • copione integrale incluso
    video integrale dello spettacolo con sottotitoli spagnolo
  • video integrale dello spettacolo senza sottotitoli
  • percorso pedagogico incluso con tre livelli di comprensione

Siempre Frida

Riproduci video

“Pies para qué os quiero si tengo alas para volar”.
Este podría ser el mejor resumen de nuestro espectáculo. Una obra original que se sumerge de lleno en uno de los iconos mexicanos por excelencia a nivel mundial. Un viaje teatral por el mundo imaginario de la artista Frida Kahlo; su vida, su obra, sus miedos y alegrías… Teatro en estado puro para acercarnos a
su propio universo personal. Dramático, desgarrador, humano… Pero también colorido, musical, alegre… como su obra. Intensa, controvertida, única. Así es Frida. Y así es nuestra propuesta. Vive con nosotros una experiencia mágica; emociónate con la fuerza arrolladora de una mujer, por encima de todo, libre.
Vuela con Frida y contágiate de vida.
Usa tus alas para volar… y vive la vida.

  • 5 attori-cantanti madrelingua spagnola
  • spettacolo teatrale e musicale
  • storia originale trasversale e interdisciplinare
  • ponti tra didattica scolastica e temi di attualità 
  • Durata : 85 min.
    copione integrale incluso
  • traccia audio di tutte le scene
  • video integrale dello spettacolo con sottotitoli spagnolo
  • video integrale dello spettacolo senza sottotitoli
  • percorso pedagogico incluso con tre livelli di comprensione

La Barraca de Lorca

Riproduci video

Federico García Lorca es uno de los máximos exponentes creativos de toda la Historia de la Literatura Española. Icono cultural. Artista único. Genio. Pero por encima de todo, un gran ser humano. Y el teatro para él era la forma más completa de mostrar su propio universo personal. Tal era la pasión de Lorca por el teatro que lo definía como “la poesía que se levanta del libro para
hacerse humana”.
Este espectáculo original recrea un episodio real y lo transforma para mostrar el universo “lorquiano” en su esencia. Y en un contexto histórico que marcó, de forma desgarradora, la Historia de España para siempre. Heridas que, aún hoy, siguen vivas y presentes.
“La Barraca” fue un proyecto cultural dirigido por Federico para acercar el teatro y sus valores a un público analfabeto e inculto. “La Barraca” como símbolo de
libertad, respeto, tolerancia y fraternidad. Valores que debemos mantener hoy, proteger y potenciar; porque la cultura nos hace libres. La pasión de Lorca es la
pasión del pueblo. Sus personajes viven, sienten, lloran, ríen, sufren, cantan…como lo haces tú. Casi cien años después, Lorca sigue vivo. Con más fuerza que nunca. Lorca soñaba mundos mejores; vive con nosotros su pasión por vivir, su pasión por el teatro. “El sueño de la vida”.

  • 5 attori-cantanti madrelingua inglese.
    spettacolo teatrale e musicale
  • storia originale trasversale e interdisciplinare
  • ponti tra didattica scolastica e temi di attualità 
  • Durata : 86 min.
  • copione integrale incluso
  • traccia audio di tutte le scene
  • video integrale dello spettacolo con sottotitoli inglese
  • video integrale dello spettacolo senza sottotitoli
  • percorso pedagogico incluso con tre livelli di comprensione

Piccadilly

Riproduci video

London today. Walter C., a young student with a passion for history, enters a strange joke of fate at the Café de Paris, a few steps from Piccadilly Circus. He discovers a wax museum that is a bit old and not exactly to his taste. A sudden noise catapults him into an extraordinary adventure where he makes the acquaintance of Dorothy, Renée and Michelle, who together form the musical trio the DoReMi Sisters. On March 8, 1941 the performers were performing right at the Café de Paris when a strong German bombing hit London … But the trio and their manager, Francis, suspect Walter of being a German spy. How did you arrive in the dressing room of the theater? His name and the blond color of his hair are enough to tie him up and threaten him with a gun. When Walter is forced to decline his identity by showing his passport to prove his British citizenship, the singers and the manager discover that his name is Churchill. But who is he? And what connection does he has with the Old Lion?

The Big Story remains on the background of small universal stories of love, friendship, ideals … proposing to students a reality that allows them both to identify themselves and to have ideas for deciphering the historical flow that led to the reality they live today.

The show, as it is original, is rich in multidisciplinary contents that draw on history, literature, philosophy and art.

  • 5 attori-cantanti madrelingua inglese
  • spettacolo teatrale e musicale
  • storia originale trasversale e interdisciplinare
  • ponti tra didattica scolastica e temi di attualità 
  • Durata : 81 min.
  • copione integrale incluso
  • traccia audio di tutte le scene
  • video integrale dello spettacolo con sottotitoli inglese
  • video integrale dello spettacolo senza sottotitoli
  • percorso pedagogico incluso con tre livelli di comprensione

Rome4Juliet

We are in Scotland, at St Andrews University: one of the most prestigious Universities of today’s Great Britain.

In the 21st century a Prince of the British Crown is about to register in that University where starting from the “public announcement” of the Prince’s enrollment, the highest rate of female applications is registered throughout the United Kingdom: the British upper class sends their daughters at St Andrews University where the Prince will probability meet his future wife and therefore the future Queen of the United Kingdom.

But Juliet is different: she is a mature girl. Juliet is an upper class young girl and the University represents for her a serious commitment, an investment on the study for both her personal and career growth. Despite the planned design of her parents for her future Juliet turns her attention elsewhere.

During the Open Day Juliet meets Romeo, a waiter charged to the catering! The opposite choice compared with her mom’s one!

She thinks and tells Romeo to be quite a fatal coincidence that his name is Romeo and her name is Juliet. Romeo can not understand: he does not know the story.

They start reading the verses of the original Shakespeare’s Romeo and Juliet and Juliet remains affected by the deep sensitivity with which her beloved captures the meaning of the verses. Juliet is every day more and more in love with Romeo. He is in love too.

The two lovers are now playing verses alternating their real life and their theatrical life in an harmonic game of poems tune. They recreate the authentic Shakespearian style in their daily lives. The Theatre into the Theatre!

Their friends do not perceive the subtle sophistication of their “encounter” of words, glances and intents. Romeo is now aware that their story is like the Shakespeare’s story, and now he knows that it ends badly…

One day un unexpected event breaks their unique and magic spell: Juliet discovers by chance the lies she has been told by her beloved: his name is not Romeo, he is not Italian and not even British. Who is he? Where is he from? Why Romeo is hiding his identity? She soon realizes that Romeo is in danger and that all the situation can easlily fall into tragic sentence of danger for both of them. What to do?

Now the setting of “their theatre” is leading the two lovers to experience the same restlessness of the two lovers of Verona: the original scenes born from the pen of the Bard of Avon are emerging “unexpectedly ” around them. But they intend to write their own final.

Is it a returning past or it’s a matter of a present that fails to progress?

If Dante has invented the contrast between the Montagues and Capulets to emphasize the real conflict between Guelfi and Ghibellini, if Shakespeare was inspired by the Great Poet, by other writers of XVI century or by several tales from the Greek Classical works, the debates of the “social aggregation codes” are still open.

Serious and important educational themes are expressed in our play by mean of the youth emotional languages: music, passion, love, important choices for a student’s future life and many other insights that today’s youth can take into consideration for further intercultural explorations and experiences.

  • 5 attori-cantanti madrelingua francese
  • spettacolo teatrale e musicale
  • storia originale trasversale e interdisciplinare
  • ponti tra didattica scolastica e temi di attualità
  • percorso annuale pedagogico a cura di Alizée Giorgetta del Cavilam di Vichy con tre livelli di comprensione
  • omaggio per diversamente abili
    non autosufficienti
  • Durata : 80 mn + incontri on line con il regista prima dello spettacolo e con gli attori alla fine durante il dibattito

La Belle Époque

La Belle Époque non è solo un periodo storico francese ma anche e soprattutto un movimento di sviluppo sociale, culturale e artistico. Un periodo di rinascita dalla Grande depressione di fine Ottocento, ricco di novità e cambiamenti; un po’ come quello che ci troviamo oggi a dover fronteggiare.
Sono anni durante i quali importanti invenzioni in campo tecnico, medico e scientifico hanno portato ad un aumento progressivo del benessere delle persone. Un periodo dove le donne escono dal “foyer” per partecipare attivamente alla vita politica e sociale.
Fa capolino il concetto di “tempo libero”: uno stile di vita più ricco di stimoli, fatto di viaggi, di uscite serali, di spensieratezza e voglia di scambiare conoscenze con le altre nazioni. Nascono quindi il cinematografo dei fratelli Lumière, l’Esposizione Universale, le Olimpiadi moderne, i teatri di cabaret e i locali notturni come il Moulin Rouge e il suo famoso Cancan.
Le tematiche trattate vogliono essere un omaggio a questo periodo di innovazione che ha saputo trasformare in opportunità i cambiamenti sociali ed economici del momento.

Il percorso è studiato in modo tale che tutte le unità siano indipendenti l’una dall’altra. Si tratta quindi di una struttura completamente modulabile che si può affrontare in maniera autonoma e senza nessun principio di consequenzialità.

L’aver svolto o meno tutte le unità nulla toglie all’esperienza teatrale, quest’ultima si può vivere prima, durante o alla fine dello svolgimento degli altri moduli didattici.

Il percorso è strutturato sia per poter essere distribuito durante tutto l’anno scolastico sia per poter essere affrontato in modo intensivo nell’arco di una settimana.

I temi cambiano, le rappresentazioni teatrali sono sempre nuove ed originali e le unità didattiche si evolvono, ma l’obiettivo è sempre lo stesso : stimolare l’apprendimento della lingua straniera attraverso l’emozione.

I vostri alunni capiranno come una parola, un’espressione o una regola potranno essere assimilati in modo del tutto inconsapevole attraverso un sorriso, un abbraccio, una lacrima.

  • 5 attori-cantanti madrelingua spagnolo
  • spettacolo teatrale e musicale
  • storia originale trasversale e interdisciplinare
  • ponti tra didattica scolastica e temi di attualità
  • percorso annuale pedagogico a cura di Emilio Morales, diplomato in filologia della “Universidad Autónoma de Madrid”, attore e professore di recitazione.
  • omaggio diversamente abili
    non autosufficienti.
  • Durata : 80 mn + incontri on line con il regista prima dello spettacolo e con gli attori alla fine durante il dibattito. 

De Madrid al Cielo

De Madrid al Cielo è un motto che inneggia alla meravigliosa urbanistica di questa città indirizzata a godere del sole. Camminando per i suoi grandi viali si può raggiungere il cielo e sentirsi liberi.

Ed è proprio questa l’atmosfera che viene bruscamente sospesa durante la dittatura di Francisco Franco: gli anni ’50, in pieno periodo franchista, un regime militare di tipo tradizionalista e conservatore che rivendica il ruolo autoritario dell’uomo nei confronti della donna.

Una storia , quella del leggendario Torero Luis Miguel Dominguín ci farà comprendere i limiti delle convenzioni, dei pregiudizi di una società nella quale l’uomo deve dimostrare il suo potere attraverso azioni inutilmente eroiche, come quella della lotta contro il toro.

Dominguín, infatti, verrà attratto da uno dei personaggi più affascinanti di quell’epoca, Ava Gardner: una donna la cui bellezza era senza eguali, un’attrice straordinaria, simbolo di indipendenza e di libertà femminile.

Due persone così diverse e apparentemente lontane ma che rappresentano la metafora della rivoluzione di un popolo, quello spagnolo, che pur dimostrando un forte attaccamento alla tradizione, resta fedele alla dimensione del sogno di libertà tramandato dal Quijote di Cervantes.

Il percorso è studiato in modo tale che tutte le unità siano indipendenti l’una dall’altra. Si tratta quindi di una struttura completamente modulabile che si può affrontare in maniera autonoma e senza nessun principio di consequenzialità.

L’aver svolto o meno tutte le unità nulla toglie all’esperienza teatrale, quest’ultima si può vivere prima, durante o alla fine dello svolgimento degli altri moduli didattici.

Il percorso è strutturato sia per poter essere distribuito durante tutto l’anno scolastico sia per poter essere affrontato in modo intensivo nell’arco di una settimana.

I temi cambiano, le rappresentazioni teatrali sono sempre nuove ed originali e le unità didattiche si evolvono, ma l’obiettivo è sempre lo stesso : stimolare l’apprendimento della lingua straniera attraverso l’emozione.

I vostri alunni capiranno come una parola, un’espressione o una regola potranno essere assimilati in modo del tutto inconsapevole attraverso un sorriso, un abbraccio, una lacrima.

  • 5 attori-cantanti madrelingua inglese
  • spettacolo teatrale e musicale
  • storia originale trasversale e interdisciplinare
  • ponti tra didattica scolastica e temi di attualità
  • percorso annuale pedagogico a cura di Alexandros Ioannu, autore e docente di lingua inglese
  • omaggio per  diversamente abili non autosufficienti.
  • Durata : 80 mn + incontri on line con il regista prima dello spettacolo e con gli attori alla fine durante il dibattito

Ubuntu

“Al popolo sudafricano, di ogni razza ed  estrazione sociale, il mondo intero dice  grazie per aver condiviso Nelson Mandela con noi tutti. La sua lotta è stata la vostra lotta. Il suo trionfo è stato il vostro trionfo. La vostra dignità e la vostra speranza si sono espresse al meglio nella sua vita, e la vostra libertà e la vostra democrazia sono l’apprezzata eredità che egli ha lasciato.”

Questa la frase di apertura del discorso del Presidente Obama al Memorial per Nelson Mandela. Noi vi vogliamo raccontare la storia di Mandela: un uomo, il cui nome era “Rolihlahla”, che in lingua Xhosa significa “colui che provoca guai”. I “guai” sono la sua scelta di essere un giovane rivoluzionario per difendere i diritti del suo popolo ma in prigione, di fronte a se stesso, Nelson riscoprirà la filosofia “Ubuntu” della sua infanzia e ne farà una guida per ridare speranza all’intero popolo sudafricano.

“I am because we are” è diventato un’arma per distruggere l’apartheid e scrivere la sua leggenda.

Il percorso è studiato in modo tale che tutte le unità siano indipendenti l’una dall’altra. Si tratta quindi di una struttura completamente modulabile che si può affrontare in maniera autonoma e senza nessun principio di consequenzialità.

L’aver svolto o meno tutte le unità nulla toglie all’esperienza teatrale, quest’ultima si può vivere prima, durante o alla fine dello svolgimento degli altri moduli didattici.

Il percorso è strutturato sia per poter essere distribuito durante tutto l’anno scolastico sia per poter essere affrontato in modo intensivo nell’arco di una settimana.

I temi cambiano, le rappresentazioni teatrali sono sempre nuove ed originali e le unità didattiche si evolvono, ma l’obiettivo è sempre lo stesso : stimolare l’apprendimento della lingua straniera attraverso l’emozione.

I vostri alunni capiranno come una parola, un’espressione o una regola potranno essere assimilati in modo del tutto inconsapevole attraverso un sorriso, un abbraccio, una lacrima.